Il Sudamerica con Exploranter

Quello che mi accingo a descrivere è con ogni probabilità il più stretto e originale connubio tra un sistema alberghiero e il viaggio, già tra loro strettamente correlati. Sto parlando di “Exploranter”, un’idea originale e capace di valorizzare nel migliore dei modi tutte le potenzialità del turismo e di far innamorare tutti coloro i quali considerano il viaggio, più che una passione, un vero stile di vita. Cos’è esattamente Exploranter? Si tratta di un vero e proprio hotel mobile, l’unico ufficialmente registrato nel mondo. Un hotel a quattro ruote itinerante che permette di attraversare l’America del Sud (nello specifico Argentina, Brasile e Cile) e di godere dei suoi paesaggi mozzafiato. Il valore dell’idea Exploranter è anche legato al fatto che un simile metodo di viaggio permette di vedere molto di più – e in minor tempo – di quanto si potrebbe fare normalmente alloggiando in un hotel canonico. Nell’area principale del mezzo trovano posto una cucina, tre bagni, letti, poltrone in pelle, piattaforme di osservazione, impianti di fornitura elettrica e di acqua. Nel rimorchio, invece, sono sistemati gli alloggi degli ospiti: 27 vani, ognuno con un letto di due metri e uno spazio di stivaggio di 90 litri, illuminazione, uno stenditoio e una piccola finestra. Il viaggio di Exploranter dura circa un mese e permette, oltre alla possibilità di visitare luoghi straordinari, il contatto umano con gli altri passeggeri del mezzo. Naturalmente una simile esperienza richiede una certa predisposizione, Exploranter con ogni probabilità non è per tutti, ma per le persone idonee potrebbe rappresentare quanto di più vicino ai loro desideri turistici. Avventura a 360 gradi, paesaggi unici quali quelli dell’America Latina, questo è quanto offerto da Exploranter. Consigliato a chiunque ami il viaggio nella sua essenza più profonda, la quale contempla anche (e soprattutto, mi viene spontaneo aggiungere) l’imprevisto, l’inatteso, magari – perché no – un incontro indimenticabile con uno dei compagni d’avventura.

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *