Hotel a 7 stelle: le 7 meraviglie alberghiere

Andiamo con ordine: cos’è il lusso? Il dizionario Hoepli lo definisce ricchezza, magnificenza negli usi, negli agi della vita, che denota un benessere economico reale o ostentato. Lusso è sinonimo di superfluo, meglio ancora, lusso è culto del superfluo, sublimazione che trasforma l’eccesso in necessità, l’abuso in uso. Perché? Fondamentalmente per ragioni sociali e antropologiche, lusso come distanza, come linea di demarcazione e riconoscimento identitario. Basti pensare – ad esempio – alle automobili, spesso veri e propri simboli di uno status sociale; così come alle abitazioni, le quali hanno nel tempo trasceso il loro scopo primario, oserei dire primitivo: proteggere.

Un tempo nell’immaginario collettivo erano le 5 stelle a segnare il confine ultimo per quanto concerne il lusso in tema di strutture alberghiere, ma i limiti – lo sappiamo bene – nella storia dell’uomo sono solamente dei crocevia che attendono di essere sorpassati. Così è stato, anche per gli hotel, i quali, non paghi della sesta stella, non hanno atteso molto per fregiarsi della settima, la più preziosa (almeno per il momento). Ad oggi, sono solamente sette le meraviglie alberghiere che possono vantare questo riconoscimento. Il maggior numero di hotel a sette stelle presenti in un singolo stato appartiene agli Emirati Arabi Uniti: sono ben tre le strutture, due risiedono ad Abu Dhabi, una a Dubai. Il quarto hotel incluso in questa speciale classifica è situato in Pakistan e si chiama “The Centaurus Building”. Anche altri due alberghi a sette stelle sono stati costruiti nel continente asiatico: si tratta de “Il Fiore dell’Est” (chiamato così per la sua particolare forma che ricorda proprio un fiore che sboccia) dell’Iran e il “Plaza Morgan” di Pechino, costruito in occasione delle Olimpiadi del 2008. L’ultimo albergo, nonché l’unico fuori dall’Asia, si trova in Europa, in Italia precisamente: si tratta della “Town House Galleria”, situata a Milano, a 100 metri da Piazza del Duomo.

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *